Articles

Cosa c’è di Nuovo nella Gestione di Acne Vulgaris

l’Infiammazione è uno sfondo per il comunemente citati elementi di fisiopatologia dell’acne: Propionibacterium acnes proliferazione, aumentata produzione di sebo con un aumento di androgeni circolanti e difetti di cheratinizzazione.1,2 Infatti, la ricerca mostra che la lesione iniziale dell’acne vulgaris-il microcomedone-è, in sostanza, una lesione infiammatoria.3 Questa realizzazione ha chiaramente influenzato l’approccio al trattamento dell’acne, ma non ha prodotto uno stuolo di nuovi trattamenti.

Una migliore comprensione della fisiopatologia dell’acne e del ruolo dell’infiammazione ha, tuttavia, prodotto una migliore comprensione di come le terapie esistenti trattano la malattia e hanno portato a strategie di trattamento più complete che sono multitargeted. Tuttavia, antibiotici topici e orali rimangono pilastri della terapia dell’acne, insieme a retinoidi topici e perossido di benzoile. Le attuali linee guida di cura per l’acne sottolineano le strategie che riducono la dipendenza dagli antibiotici e riducono al minimo il rischio di resistenza.4 Il panorama terapeutico potrebbe finalmente cambiare, con nuove entità chimiche per l’acne e diverse nuove formulazioni in fase di sviluppo.

Sareciclina: una nuova tetraciclina

Gli antibiotici tetracicline sono stati utilizzati per gestire l’acne dal 1950, ma il loro metodo di azione nella malattia non è stato completamente chiarito.5 Oltre agli effetti antibiotici, le tetracicline hanno dimostrato di conferire proprietà antinfiammatorie e altri effetti biologici.6,7

La tetraciclina di prima generazione è ad ampio spettro. Come tale, è associato ad un aumento del potenziale di resistenza agli antibiotici e ad un maggiore impatto sulla salute gastrointestinale. La nuova sareciclina composta è una tetraciclina con uno spettro di attività più ristretto rispetto ad altre tetracicline e con ridotta attività contro batteri gram-negativi enterici8 (Figura 1). Sarecycline recentemente è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti in una formulazione orale una volta al giorno per il trattamento delle lesioni infiammatorie di moderata nonnodular a grave acne vulgaris in pazienti 9 anni e più. Sareciclina viene somministrata a 1,5 mg/kg al giorno. L’approvazione della FDA segna il primo nuovo antibiotico approvato per l’acne in 4 decenni.

Figura 1. La sareciclina ha uno spettro di attività più ristretto rispetto ad altre tetracicline come doxiciclina e minociclina.

In 2 studi clinici di fase 3, sareciclina ha dimostrato efficacia nel ridurre le lesioni infiammatorie e non infiammatorie.9 Alla settimana 12, il successo dello sperimentatore Global assessment (IGA) (riduzione≥2 punti di IGA e punteggio 0 o 1 ) è stato del 21,9% e del 22,6% per il trattamento attivo (n=483 e n=519), rispettivamente, nei 2 studi rispetto al 10,5% e al 15,3% (n=485 e n=515), rispettivamente, per i controlli. La sareciclina ha dimostrato un rapido effetto antinfiammatorio. L ‘inizio dell’ azione contro le lesioni infiammatorie è stato notevole entro la settimana 3. Alla settimana 12, le lesioni infiammatorie sono state ridotte nei bracci di trattamento attivi del 51,8% e del 49,9%, rispettivamente, rispetto al 35,1% e al 35,4%, rispettivamente, per i controlli.9

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento (TEAE) più comuni riportati sono stati nausea, nasofaringite, cefalea e vomito.9 I TEAE vestibolari (capogiri, tinnito, vertigini) e fototossici (scottature solari, fotosensibilità) si sono verificati entrambi nell ‘ 1% o meno dei pazienti con sareciclina. I tassi di TEAE gastrointestinale per sareciclina erano bassi.9

La sareciclina è stata valutata anche nei 2 studi per l’efficacia nel trattamento dell’acne alla schiena e al torace; nel gruppo di trattamento attivo, il successo delle IGA è stato raggiunto rispettivamente del 29,6% e del 36,6%, rispetto al 19,6% e al 21,6%, rispettivamente, dei controlli.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.