Articles

minireviewpectina metilesterasi e il suo inibitore proteico: una recensione

pectina metilesterasi (PME) catalizza la demetossilazione della pectina, un importante polisaccaride della parete cellulare vegetale. Attraverso la modifica del numero e della distribuzione degli esteri metilici sulla spina dorsale della pectina, la PME influisce sulla suscettibilità della pectina verso successive reazioni di conversione enzimatica (non) (ad es., pectina depolimerizzazione) e la formazione di gel, e, quindi, la sua funzionalità sia nella parete cellulare delle piante e prodotti alimentari contenenti pectina. L’enzima svolge un ruolo chiave nello sviluppo vegetativo e riproduttivo delle piante oltre alle interazioni pianta-patogeno. Inoltre, l’azione PME può avere un impatto favorevole o deleterio sulla qualità strutturale dei prodotti alimentari di origine vegetale. Di conseguenza, la PME e anche l’inibitore proteico PME (PMEI) trovato in diverse specie vegetali e specificamente inibendo la PME vegetale sono molto rilevanti per i biologi delle piante e per i tecnologi alimentari e sono intensamente studiati in entrambi i campi. Questo documento di revisione fornisce una panoramica strutturata e completa delle conoscenze accumulate nel corso degli anni per quanto riguarda PME e PMEI. L’attenzione è rivolta sia a dati consolidati che nuovi riguardanti (i) la loro presenza, polimorfismo e proprietà fisico-chimiche, (ii) strutture proteiche primarie e tridimensionali, (iii) attività catalitiche e inibitorie, (iv) ruoli fisiologici in vivo e (v) rilevanza di enzimi e inibitori (endogeni ed esogeni) nell’industria (alimentare). Sono indicate le sfide di ricerca rimanenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.