Articles

Rivolta degli schiavi di New York City (1712)

Tra venticinque e cinquanta neri si riunirono a mezzanotte a New York City, New York il 6 aprile 1712. Con pistole, spade e coltelli in mano, gli schiavi prima dato fuoco a una dependance poi sparato colpi a diversi proprietari di schiavi bianchi, che avevano corso alla scena per combattere il fuoco. Entro la fine della notte, nove bianchi sono stati uccisi e sei bianchi sono rimasti feriti. Il giorno dopo il governatore di New York ordinò alle milizie di New York e Westchester di ” guidare l’isola.”Ad eccezione di sei ribelli che si sono suicidati prima di essere catturati, tutti i ribelli sono stati catturati e puniti con ferocia che va dall’essere bruciati vivi all’essere spezzati al volante.

Ma la rapida punizione dei colpevoli non era sufficiente a sedare le preoccupazioni dei proprietari di schiavi e del loro corpo politico. In pochi mesi l’Assemblea di New York approvò “un atto per prevenire, sopprimere e punire la cospirazione e l’insurrezione dei negri e di altri schiavi.”Ai padroni fu permesso di punire i loro schiavi a loro completa discrezione, non estendendosi alla vita o al membro.”Anche la manumissione degli schiavi di New York fu scoraggiata da questo disegno di legge; i padroni dovevano pagare duecento sterline di sicurezza al governo e una rendita di venti sterline allo schiavo liberato. Nonostante queste severe leggi, New York sarebbe sfuggita alla ribellione degli schiavi solo per ventinove anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.